Pages Menu
Facebook
Categories Menu

Posted by on Apr 18, 2018 in Blog news | 0 comments

Tante buone abitudini ecologiche da osservare dopo Georgica 2018

Tante buone abitudini ecologiche da osservare dopo Georgica 2018

Nella conferenza di Georgica 2018 dedicata all’uso consapevole delle risorse che buttiamo nella spazzatura, c’è stato spazio per commenti e richieste. Una di queste ultime ha voluto che il vademecum del buon gestore dei propri rifiuti domestici fosse sintetizzato nelle buone norme che seguono. A disposizione di tutti.

10 app utili per instaurare abitudini utili

 

1)Good on You (brand ranking app, per aiutarci a comprare fashion etico)

2)Ecosia (motore di ricerca che con i proventi tratti dalle nostre ricerche pianta alberi)

3)Green Apes (community green dove viene premiata la partecipazione con premi green)

4)Depop (Vendi e compra usato)

5)Forest (partners with Trees for the Future, app che ripaga la vostra concentrazione piantando alberi)

6)The GreenWatcher (una specie di TripAdvisor anche per locali e negozi green)

7)HappyCow (motore di ricerca per ristoranti vegetariani e vegani)

8)Blablacar (Carsharing)

9)AmaRoma – Puliamo (Milano e Lombardia) – Dove lo butto (Mantova) – Ecoiren (emilia) – Rifiutility (Veneto) (per sapere dove si butta qualcosa e risolvere i nostri dubbi: ne esiste uno per ogni regione, cercate sul vostro store)

10)NaturMia (valori nutrizionali di frutta e verdura e loro carta d’identità per capire quando sono di stagione)

11)Alveare (comprare km0) – Milkyway (distributori mobili di latte –vuoto a rendere- e latticini biologici)

 

10 mai più senza!

 

  1. Doggy bag per gli avanzi
  2. Bottiglia in alluminio o plastica bpa free
  3. Paper bag in borsa
  4. Per le donne: coppetta in silicone o mutande period proof shethinx o assorbenti biodegradabili o di tessuto
  5. Dentifrici solidi base bicarbonato
  6. Spazzolino elettrico o spazzolino miswak (completamente compostabile) o di bamboo (si buttano via solo le setole: non ne ho trovati di effettivamente 100% compostabili in bamboo)
  7. Salviette biodegradabili (quovis – in’s)- guanto struccante in microfibra
  8. Bere acqua del rubinetto
  9. Guppyfriend bag
  10. Tovaglioli e portaposate di stoffa anziché di carta
  11. Oriculi e non cotton fioco monouso

 

[Ho barato, sono sempre 11.]

 

10 errori comuni nel fare la raccolta differenziata

 

  1. Oggetti di plastica dura nella plastica (Perché gli oggetti in plastica dura, a differenza di bottiglie e involucri termoplastici, sono termoindurenti. Ergo non fondono ad alte temperature e non possono essere riciclati.) : INDIFFERENZIATO

 

  1. Posate, cannucce, bastoncini del caffè di plastica nella plastica (No perché non sono imballaggi) : INDIFFERENZIATO

 

  1. Olio vegetale esausto nel lavandino (L’olio esausto non è, al contrario di quanto si potrebbe pensare, biodegradabile e organico. Se disperso tramite gli scarichi e le fognature di casa, va ad inquinare l’acqua impedendo ai raggi solari di penetrare causando ingenti danni all’ambiente. Basta anche un solo litro di olio esausto per rendere non potabile l’acqua delle falde, arrecando gravi danni anche al funzionamento dei depuratori. L’olio esausto è, ad oggi, tra le principali cause dell’intasamento delle condutture fognarie e del danneggiamento degli impianti centrali di depurazione e di quelli periferici per il pompaggio.): VA RACCOLTO E PORTATO ALL’ISOLA ECOLOGICA

 

  1. Scontrini, carta copiativa, carta chimica, ricevute fiscali nella carta (Perché sono fatti con carte speciali – termiche – i cui componenti reagiscono al calore, creando problemi di riciclo): INDIFFERENZIATO

 

  1. Fazzoletti di carta usati nella carta: Sono quasi sempre “anti-spappolo” e, quindi, difficili da riciclare. Va bene gettarli nell’UMIDO solo se sono bianchi.

 

  1. Materiali simil vetro ma non vetro nel vetro. Perché i materiali hanno punti di fusione diversi. Gettare il cristallo nel vetro, dal momento che il cristallo contiene piombo, significa contaminare il processo di riciclo. Se poi ci

buttate il Pirex (indistinguibile dal vetro all’occhio) dal momento che fonde a temperature molto più alte del vetro vanificate intero processo. : INDIFFERENZIATO

 

  1. Deodoranti in bomboletta, lacca spray nell’indifferenziata: VANNO PORTATI ALL’ISOLA ECOLOGICA in quanto rifiuti pericolosi

 

  1. Cartoni della pizza unti o sporchi nella carta (vanno lì solo se puliti): altrimenti INDIFFERENZIATO

 

  1. Capelli, peli animali: varia da comune a comune. ORGANICO o INDIFFERENZIATO

 

  1. Sacchetti di materiale misto (biscotti, pasta ecc) in plastica o carta. Va sempre controllata dicitura presente sul prodotto. Se è materiale misto senza prevalenza di uno o dell’altro ed è scritto misto: INDIFFERENZIATO

 

 

articolo di Elena Clara Maria Rossetti

immagine tratta da: http://www.vivetuempresa.com/imss-logra-sustentabilidad-2020/

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ci vediamo a Georgica 20-21-22 Aprile 2019 !