Pages Menu
Categories Menu

Posted by on Mar 19, 2019 in Blog news, Eventi e attrazioni, News da Georgica | 0 comments

A Georgica 2019 il Festival di Arte Fluviale Ondevento

A Georgica 2019 il Festival di Arte Fluviale Ondevento

A Georgica 2019 al Lido Po di Guastalla torna il Festival di Arte Fluviale, ormai una costante durante la manifestazione sulla riva destra del Po.

Quest’anno il titolo è Ondevento e sarà un festival di arte e parole cui si potrà partecipare per tutti i tre giorni del programma ovvero 20-21-22 Aprile con una anticipazione il 18 Aprile.

L’evento è a cura di Antonella De Nisco e Giorgio Teggi ed avrà luogo tra le pioppelle del giovane bosco appena ripiantato sulla riva del fiume e presso il Teatro di Fieno alla confluenza del Crostolo con il Fiume, In questi luoghi le parole galleggeranno…

Le parole sono onde al vento? Le parole sono sensi? Pensieri? Le parole hanno (ancora) senso, il senso?

Le parole comuni, le parole di tutti i giorni, televisive, audiovisive, le urla di parole, le parole politiche o della politica.

Le parole che nascondiamo, che gettiamo via, che abbiamo dimenticato, che non servono più.

Le parole-piante, alberi lenti che s’inflettono.

Ecco il programma:

18 aprile alle ore 21.00

proiezione inaugurale del film Puro remo, con il regista Alessandro Scillitani.

Sala dell’Antico Portico di Palazzo Ducale di Guastalla

 

20 aprile

dalle ore 11.00

inaugurazione ONDEVENTO di Antonella De Nisco/Giorgio Teggi con Francesco Gelati

all’interno del pioppeto

Associazione Ludoteca – Serigrafia di strada

tutto il giorno con due esercitazioni aperte alle ore 11.00 e 16.00

Associazione Passaporta – FluxInFabula

tutto il giorno, ogni volta che si vuole

 

dalle ore 18.30

Teatro di Fieno,

Simonetta Margheriti – Parole in movimento

a seguire:

Reading di poesia con

Emilio Rentocchini – Proforma

Antonio Petrucci – Le parole. Quattro flash per una storia d’amore

Francesco Gelati – Parola et labora

 

21 aprile

tra il Teatro di Fieno e ONDEVENTO

ore 16.00

Annalisa Celentano, Performance di danza – Solo con piano-forte

musica originale di Ciro Nacci 

 

ore 12.00 e ore 17.00

Mirella Gazzotti, Teatro della fragola – Capire o non capire, questo è un bel dilemma

 

22 aprile,

ore 12.00 e ore 17.00

Mirella Gazzotti, Teatro della fragola – Capire o non capire, questo è un bel dilemma

 

dalle ore 18.00

Teatro di Fieno

Alessandro Scillitani in concerto – Verso il Mediterraneo

con Stefano Ferrari (violino), Mimmo Fontana (percussioni), Marco Macchi (pianoforte), Tommi Prodi (chitarra)

 

Video

Giuseppe Raia

Documentazione

Matilde Teggi

 

Quella 2019 è ormai la sesta edizione del Festival di Arte Fluviale, cui partecipano artisti, poeti, scrittori, fotografi. La manifestazione si svolgerà con azioni poetiche, letture, presenze perfomative e laboratori di parole. Diamo un’occhiata in dettaglio ai partecipanti:

Antonella De Nisco e Giorgio Teggi affrontano il tema delle parole fragili e POtenti con l’installazione di ONDEVENTO, collocata tra i giovani alberi di pioppo e costituita da grandi onde di parole da leggere cercare, ritrovare, portare, recitare con la partecipazione di poeti, artisti, scrittori, fotografi e amici.

Alessandro Scillitani, regista e musicista, capace di cogliere lo spirito e le straordinarie atmosfere, raccolte nella magia degli accampamenti lungo le rive e negli incontri con il grande popolo delle onde e dei venti, apre Arte Fluviale 6 il 18 aprile alle ore 21.00, presso Sala dell’Antico Portico di Palazzo Ducale di Guastalla con la “proiezione inaugurale” del film Puro remo e chiude ONDEVENTO con il concerto dall’attualissimo titolo Verso il Mediterraneo”, nel Teatro di fieno dalle ore 18.00, accompagnato da Tommi Prodi (chitarra), Marco Macchi (pianoforte), Stefano Ferrari (violino).

Ludoteca prepara e propone per tutta la giornata del 20 aprile, tra il Teatro di fieno e l’installazione ONDEVENTO, magliette e shopper e altri  gadget con una grafica pensata per Arte Fluviale. Per i visitatori sarà possibile realizzare/sperimentare alle ore 11.00 e alle ore 16.00, la “serigrafia di strada” per sperimentare la potenza creativa della nostra sensibilità e dei nostri linguaggi.

 

L’Associazione Passaporta con Letizia Bertozzi e Luca Barbieri propone FluxInFabula, per tutta la giornata del 20 aprile, tra il Teatro di fieno e l’installazione ONDEVENTO, ogni volta che si vuole e …”per chiunque sia un po’ curioso di storie, di poesia, di fantasia, grande o piccolo che sia”. Si tratta di un gioco/esplorazione itinerante che è un po’ reportage di viaggio, caccia al tesoro ed esercizio poetico. L’intento è quello di ricostruire il dialogo tra due fiumi, Crostolo e Po, con la loro storia un po’ liquida da ritrovare. Ogni giocatore ne percorrerà la rotta, e arrivato alla fine, potrà portarsene via un pezzetto. Ma in cambio, a ciascuno verrà richiesto dono: “una parola per una parola”, per inventare una rotta che verrà. L’Associazione Passaporta riunisce animatori provenienti da esperienze formative diverse come educazione, teatro, arte, lettere, sport.

 

Francesco Gelati, fedele collaboratore poetico delle varie edizioni di Arte Fluviale, anche quest’anno partecipa con altre “parole al vento” nell’installazione ONDEVENTO e al  reading di poesia con Parola et labora, dalle ore 18.30, Teatro di Fieno.

 

 

Simonetta Margheriti tratterà il tema delle Parole in movimento, 20 aprile, dalle ore 18.30 nel Teatro di Fieno. Brevi riflessioni sulla natura viva della lingua. Lingua come specchio dei mutamenti della società, attraverso parole modificate, rielaborate, contaminate, inventate, dimenticate. Parole in movimento come nuvole nel cielo, a riecheggiare la canzone di Fabrizio De André “Le nuvole”.

 

Emilio Rentocchini, poeta e scrittore italiano contemporaneo, ritornaa ad Arte Fluviale, con l’intervento Proforme presso il Teatro di fieno il 20 aprile dalle ore18.30.

 

Antonio Petrucci, giornalista che si occupa di cultura, partecipa al reading di poesia con Le parole. Quattro flash per una storia d’amore, quattro poesie brevi che costituiscono i quattro momenti salienti di una storia d’amore, presso il Teatro di fieno il 20 aprile dalle ore18.30

 

Mirella Gazzotti del Teatro della fragola, presenta “Capire o non capire, questo è un bel dilemma” nel Teatro di fieno: suoni e parole del linguaggio verbale hanno trasformato il nostro modo di essere, di ncomunicare con gli altri per crescere e capire. Il tempo ha cambiato le parole necessarie in suoni e immagini, ora possiamo finalmente giocare. Prendiamo le parole di oggi per parlare con un contadino del 1600 o, meglio ancora, per rivolgere un supplica al signorotto di fine ‘800. Mirella propone un gioco divertente, capace di coinvolgere il pubblico in un impossibile richiesta di matrimonio,  nell’organizzazione di un funerale o nel contrattare la vendita di una casa. Nelle giornate del 21 e 22 aprile (ore 12.00 e ore 17.00),

 

Annalisa Celentano danzatrice/coreografa presenta alle ore 16.00 del 21 aprile tra il Teatro di fieno e l’installazione ONDEVENTO la performance di danza Solo con Piano-Forte, che nasce dall’incontro con il musicista Ciro Nacci (compositore della musica originale): partendo da strutture coreografiche definite, con variazioni ritmico-dinamiche, per poi lasciare spazio ad improvvisazioni, frutto di suggestioni musicali e movimenti coreografici liberi.

 

fotografie di Antonella De Nisco

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × cinque =

Ci vediamo a Georgica 2020 !